informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Combattere la pigrizia: ecco come essere più produttivo

Commenti disabilitati su Combattere la pigrizia: ecco come essere più produttivo Studiare a Trieste

Combattere la pigrizia è il tuo prossimo obiettivo? Sei stanco di essere stanco, ammettilo. Vuoi dare una scrollata alla tua vita, vuoi urlargli nelle orecchie “svegliati!” e sai che per farlo devi rinunciare al divano. Hai deciso di fare il pieno di nuova energia ma il solo fatto di averlo deciso non cambia le cose. Sai che è arrivato il momento di agire e ora ti serve un vero e proprio piano di azione. Veniamo in tuo aiuto per darti spunti pratici utili per ripartire alla grande, lasciando la pigrizia sul divano.

Pigrizia o depressione: come riconoscerle

Il termine pigrizia ha un’etimologia complessa che lo accomuna al portoghese preguiça, al francese paresse, e probabilmente è strettamente imparentato con il greco paresis: rilassamento. Quel rilassamento che ti rende lento nell’operare e tendente a rimandare le cose da fare a una data da destinarsi, quando la tua forza di volontà avrà più potere di convincimento sulla tua stanchezza mentale.

Quando si è studenti si hanno molte cose da fare. Chi frequente un corso di laurea sa che ci sono momenti di tristezza che si devono combattere, di solito subentrano dopo momenti di particolare fermento e attività. È importante imparare a riconoscere il giusto riposo e relax da godere fino in fondo dalla pigrizia patologica.

Sì, la pigrizia è una malattia e tu dovresti preoccuparti solo nel caso in cui:

  • Non intraprendi NESSUNA iniziativa
  • Percepisci un’intensa perdita di energia
  • Tendi a rimandare qualsiasi cosa
  • Non ti senti coinvolto da niente
  • Reagisci passivamente agli avvenimenti

La pigrizia patologica può essere invalidante dal punto di vista sociale. Il non fare può portare ad uno stato di isolamento e apatia che si trasforma lentamente e in modo subdolo in depressione. Gli studi recenti di Psicologia ci aiutano a fare una corretta distinzione tra pigri e depressi. I primi sono coloro che vivono la propria condizione senza entrare in conflitto con sé stessi. Non fanno e non percepiscono questa inattività come un male, anzi solitamente ne traggono una dose seppur minima di beneficio. Mentre il depresso si vive in modo travagliato la propria condizione, ne soffre, se ne vergogna e la vive come una condanna. In entrambi i casi è necessario intervenire, per quanto riguarda il secondo è consigliabile il percorso con uno psicoterapeuta.

Come sconfiggere la pigrizia

pigrizia mentale o depressioneSe riscontri nella tua situazione un malessere interiore che ti blocca e non ti permette di agire, se vivi il disagio di non poter vivere una vita libera e attiva a causa di un turbamento parlane subito con qualcuno. In questi casi ribadiamo l’importanza di un percorso di supporto psicologico.
Se invece percepisci che il tuo problema è gestibile e ti senti pronto a rimboccarti le maniche – tirarti su dalla posizione orizzontale in cui versi da mesi a guardare il soffitto e aspettare tempi migliori per agire –  continua a leggere e prendi spunto dai nostri consigli per tornare a splendere.

  • Punta sull’organizzazione
  • Pratica meditazione e sport
  • Fai una lista di obiettivi concreti da raggiungere
  • Stira i vestiti
  • Impara a chiedere aiuto
  • Festeggia i traguardi

Vincere la pigrizia con una strategia

Non ce lo insegnano a scuola. Non esistono master universitari per imparare un metodo organizzativo. Ma ci sono strumenti validi che ci aiutano a pianificare come le app per organizzare la giornata. Impara a usare:

  • To do list
  • App per organizzare la giornata
  • Timer e orologio

La tecnologia ti viene in aiuto. Puoi iniziare piano piano, prima pianifica una o due ore al giorno, poi gradualmente estendi il tempo da organizzare e cerca un ritmo in cui ti senti a tuo agio, andrà benissimo.

Praticamente meditazione e sport

A costo di essere banali ci teniamo a ricordare che:

mens sana in corpore sano

Lo sport o l’attività fisica in generale rigenerano corpo e mente. La meditazione purifica dalle tensioni mentali e crea spazio mentale sufficiente per far entrare nuove idee ed energia.

Liberarsi dalla pigrizia è il primo obiettivo

Ma quali sono quelli secondari? Sceglili con cura, senza esagerare. Non riversare troppe aspettative su te stesso. Intanto scegli di ridurre di quaranta minuti il tempo passato a scrollare inutilmente la home di Facebook. Non serve a nulla promettersi di rinunciarci per un intero pomeriggio se poi sai che non rispetterai l’auto imposizione. Perché solo quaranta minuti. Perché sono più di trenta ma meno di un’ora.

Stendi la pigrizia mentale, ma prima stirala

Apri l’asse da stiro. Tienila aperta in un’ampia stanza, possibilmente il salone (se scegli quella come stanza dell’ozio) e appena di stai per lasciare andare alla mollezza tirati su e stira. Una cosa inutile, impegnativa, che stimola la circolazione, ma soprattutto che non serve quasi mai. Dopo cinque minuti avrai un capo perfettamente stirato e un sacco di voglia di fare altro.

Chiedere aiuto, in qualsiasi caso

Per combattere la pigrizia devi imparare a chiedere aiuto. Chiedi agli amici di spronarti e anche di aiutarti fisicamente. Le cause della pigrizia non sono ancora così chiare. Piuttosto che rimuginare sul perché ti affligge quest’attitudine organizza una bella rivoluzione delle tue abitudini e datti da fare, in allegria, con l’aiuto di chi ti sta vicino.

Festeggia i traguardi

Sconfiggere la pigrizia non è semplice, se ci riesci o meno non importa. Sicuramente questo processo ti porterà a qualcosa di buono e ti meriti di essere gratificato per lo sforzo. Premiati: esci fuori con gli amici, vai ad un concerto, regalati un capo nuovo. Vedrai, la pigrizia sarà un lontano ricordo!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali