informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare senza sottolineare: la guida completa

Commenti disabilitati su Come studiare senza sottolineare: la guida completa Studiare a Trieste

Ti hanno detto che ci sono mille metodi di apprendimento ma tu non ci credi. Ti chiedi come studiare senza sottolineare, come hai sempre fatto. Com’è possibile che ci siano dei metodi di studio più efficaci, ti sembra impossibile. È invece è così. Ciò che sei abituato a fare durante la preparazione degli esami è solo un’abitudine che ti è stata tramandata, senza alcun fondamento che ne assicuri e confermi l’efficacia. Ma allora come fare?

Metodo di studio: a ognuno il suo

Si dice che non si deve ripetere come pappagalli, che studiare e sottolineare è uno spreco di tempo e di inchiostro. Ognuno trova lo stratagemma migliore per fissarsi nella mente i concetti e le nozioni che deve apprendere, anche se, ci sono dei metodi che risultano fallimentari ed altri che sono molto più funzionali. E purtroppo per te, matita più veloce del West, sembra proprio che il metodo di studio con le sottolineature seriali sulle pagine non serva a molto.

Studiare e sottolineare: perché no?

tecniche di apprendimentoCi sono molti studiosi di tecniche di apprendimento che continuano a dire, no! Basta con questa usanza della sottolineatura come se non ci fosse un domani. Perché? Il problema molto spesso risiede nel fatto che la frase sottolineata potrebbe non corrispondere con la frase giusta, con quella che sintetizza meglio il concetto.

Inoltre quello che avviene a fine sessione di studio di solito è questo: si riprende il libro in mano e lo si rilegge, escludendo le parti non sottolineate, perdendo una quantità enorme di tempo. Sì, perdendo tempo. Perché quel libro l’hai già letto e ora che lo rileggi connettendo frasi fuori contesto, frammentate e spezzettate probabilmente non ci stai capendo molto. Va bene, alla fine le cose di saranno entrate in testa, ma ci sono metodi più fluidi, intuitivi e immediati.

Come studiare senza sottolineare: le mappe mentali

Quindi via matite ed evidenziatori dalla scrivania. Prova a cambiare musica. Una delle idee e delle strategie maggiormente diffuse è quella delle mappe concettuali. Ma ci vediamo costretti un’altra volta a sfatare un mito. Quegli schemini squadrati con rettangoli statici e linee dritte che collegano intere frasi e date ad altre non servono a nulla, sono un’estensione della sottolineatura.

Ma questo approccio si è evoluto incontrando una versione migliore di sé stessa nelle mappe mentali, che sembrano essere la stessa cosa ma in realtà si basano su presupposti diversi. Nella mappa mentale l’utilizzo del colore e dei segni grafici consente di agire in modo più efficace a livello mnemonico. Le linee di collegamento tra uno spazio e l’altro vengono utilizzate come concetti ponte, sono linee su cui si può scrivere.

Anche l’utilizzo dello spazio è più libero e intuitivo e così facendo permette allo studente di avere una mente meno sotto pressione e più facilità nel connettere le idee e nell’andare a ripescarle.

Organizzazione: il modo migliore per studiare

Oltre alle mappe mentali ci sono altre metodologie, alcune si basano soprattutto su diagrammi, schemi e disegni, altre puntano tutto sull’organizzazione del tempo e del materiale da studiare. Questi consigli, apparentemente fuori tema, sono invece cruciali per costruire una buona pratica, un buon metodo di studio.

Ad esempio, un’idea che ci sembra sempre funzionare piuttosto bene è quella di studiare per insegnare. Se vuoi imparare una cosa insegnala o spiegala. Funziona. Quando ci approcciamo allo studio con l’idea di dover poi insegnare e divulgare quell’argomento abbiamo già la mente settata sulla comprensione dell’essenzialità del tema e nel modo migliore perché il cervello di tutti lo possa capire. Prova la prossima volta a studiare con un amico e a chiedere di ascoltarti al termine della sessione. Spiegagli quanto hai capito, se anche lui afferra quanto detto significa che sei sulla buona strada.

Tecniche per studiare

Studiare e sottolineare è una pratica obsoleta, ma non significa che debba essere abbandonata in toto e a priori. Anzi, può essere integrata con altri sistemi. Ma come abbiamo detto la pianificazione è importante. L’aspetto della misura e del tempo da dedicare allo studio è di grande rilevanza. Il nostro suggerimento è quello di non fare le chiuse prima degli esami, ma di diluire nel tempo. Studiare poco ma con costanza lascia quello spazio arioso tra un giorno e l’altro e tra un concetto e l’altro che ti permette di lasciar sedimentare tutti i nuovi apprendimenti al fine di integrarli del tutto. I nostri studenti si sono accorti che quando studiano un esame tutto insieme lo dimenticano dopo poco, mentre gli esami per cui sono riusciti a organizzarsi per tempo, portando avanti il programma un po’ per volta sono stati ricordati meglio, lasciando un solco più importante.

Questo è dovuto anche al fatto che lo spazio vuoto che rimane tra una piccola seduta di studio tra un giorno e l’altro è pieno di spazio da riempire con le tue elaborazioni personali. Sarà uno studio più ragionato, maturo, approfondito.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali