informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Invenzione della stampa: cronostoria e protagonisti

Commenti disabilitati su Invenzione della stampa: cronostoria e protagonisti Studiare a Trieste

L’invenzione della stampa ha cambiato radicalmente la storia del mondo. Anche se adesso leggi questo articolo dallo schermo di un pc tutto quello che vedi qui è frutto di uno studio e di una conoscenza che esiste grazie soprattutto alla carta stampata. Al confronto con la totalità della storia dell’uomo emerge che la stampa è un’invenzione recente, scopriamo insieme gli eventi che hanno portato a questa scoperta rivoluzionaria.

Gutenberg e il primo libro stampato

invenzione dei caratteri mobiliC’è sicuramente una data che viene ufficialmente riconosciuta come data di invenzione della stampa: il 1455. In quest’anno Gutenberg stampa la Bibbia. Era il primo libro di questa rilevanza ad essere stampato con la tecnica dei caratteri mobili. Da quel momento in poi in tutta Europa si diffonderà questo metodo di stampa, propagandosi insieme alle infinite possibilità di circolazione del sapere.

L’utilizzo della stampa a caratteri mobili rese più veloce la produzione di libri e la loro diffusione, tale cambiamento coincise con una democratizzazione del pensiero in Occidente, finalmente libero di circolare, di muoversi e di giungere in qualsiasi angolo del continente.

Certo, questo processo non fu immediato, per attecchire ebbe bisogno di molto tempo, ma ormai l’invenzione della stampa, eliminando la procedura manuale lunga e dispendiosa, aveva innescato un processo culturale destinato a crescere a dismisura.

Non possiamo non ricondurre ad una necessità più pressante di libri questa innovazione. Nel Rinascimento, con la nascita delle accademiche e delle facoltà, insieme alla riscoperta di scritti degli antichi filosofi, c’era un bisogno di libri molto forte e sentito. La cultura non era relegata all’interno degli ordini ecclesiastici, ma anzi, si faceva sempre più spazio tra altri settori della società.

Nonostante la Bibbia fosse il primo volume di tale importanza ad essere stampato con la nuova tecnica, furono tanti i volumi dati alla stampa per una larga diffusione, come romanzi e manuali professionali. Ma allora, ricapitolando, quali sono state le cause che hanno portato alla diffusione della stampa?

  • Nascita delle accademie
  • Diffusione della cultura nei contesti laici
  • Riscoperta di antichi manoscritti

I libri e la scrittura prima della stampa

Era palese che il libro era un oggetto destinato ad avere successo. Era un mercato in crescita e questo spingeva molti a puntare su innovazioni e tecniche nuove di produzione dei testi, capaci di dimezzare tempi e costi. Gutenberg non fu il solo. In quel periodo di poco precedente all’invenzione dei caratteri mobili si susseguirono diverse innovazioni:

  • Scrittura mercantesca
  • Xilografia

La prima non era un tecnica di stampa ma bensì di scrittura, come dice la definizione stessa. Si sviluppò in Italia dove il commercio faceva prosperare la borghesia mercantile. Gli artigiani e i commercianti avevano bisogno di:

  • Libri di conteggio per entrate e uscite
  • Inventari
  • Ricevute fiscali

E quanto il mercato era florido c’era bisogno di una costante ed efficace produzione di questi documenti. Il mercante possedeva diverse competenze, acquisite in scuole speciali in cui, ovviamente, veniva insegnata anche la scrittura. Un tipo ben preciso di scrittura, in lingua povera e volgare e non in latino: la scrittura mercantesca. Questa modalità si sviluppò soprattutto in Toscana e precisamente a Firenze, ma velocemente si propagò in tutta Italia. Ecco i suoi elementi caratteristici:

  • Rotondità delle lettere
  • Minor slancio delle aste
  • Corsiva con pochi legamenti
  • Corpo delle lettere schiacciato
  • Penna a taglio tondo con punta dritto
  • Mancanza di maiuscole e punteggiatura

Questa scrittura divenne famosa grazie a Boccaccio che la utilizzò per scrivere il Decamerone.

La xilografia invece assomiglia di più ad una tecnica di stampa, anche se sarebbe più opportuno definirla tecnica di copiatura. Serve a riprodurre una copia in numero elevato. L’origine di questo metodo non è europeo ma bensì cinese, fu da lì che approdò infine in Europa intorno al 1300. Venne utilizzata molto per la riproduzione di immagini, successivamente anche per la produzione di testi.

I caratteri tipografici di Gutenberg

bibbia di gutenbergLa stampa non sarebbe mai potuta esistere senza lo studio e l’invenzione dei caratteri tipografici. Sono questi elementi ad essere alla base del funzionamento che conosciamo.
Sono tasselli metallici in cui viene intagliato a rilievo in carattere si ogni singola lettera. Non sono un’invenzione europea in realtà, poiché arrivato dalla Cina e dall’Oriente in generale. In Corea erano prodotti con il bronzo e utilizzati fin dal XIII secolo.

La disposizione su un telaio di questi caratteri componeva la pagina da stampare. Non si doveva più incidere una pagina per volta, che era pronta da imprimere in pochi secondi per essere riprodotta quante volte lo si desiderava.

Fu Gutenberg ad inventarli. Tutti noi dobbiamo moltissimo a questo personaggio. Era figlio di orafi e furono proprio le competenze del padre ad aiutarlo a realizzare questo meccanismo dei caratteri tipografici. Nonostante l’esilio a Magonza alla fine degli anni Venti del Quattrocento continuò a ragionare sulla sua nuova idea per stampare libri.

Tornato da Magonza, grazie ai finanziamenti di un di un borghese iniziò a produrre i suoi macchinari, che perse però proprio a causa di un processo relativo all’indebitamento rispetto a questi prestiti.
La Bibbia fu un’opera speciale, ma non l’unica. Ecco gli altri esemplari di fogli stampati che si possono ricondurre a Gutenberg:

  • Indulgenze per la guerra al turco nel 1452
  • Bibbia primitiva a 36 caratteri nel 1452
  • Seconda edizione della Bibbia nel 1454

Ma fu il testo sacro del 1455 a 42 caratteri a rappresentare la più alta rappresentazione del suo talento. Si trattava di un’opera anche piuttosto raffinata, con abbreviazioni e l’utilizzo di 300 caratteri tipografici diversi.

L’evoluzione della stampa in Italia

Da allora in poi il fenomeno fu inarrestabile. Dal 1470 in poi dalla Germania si estende all’Italia, da lì a tutta l’Europa il passo è breve.
Per quanto riguarda l’Italia il personaggio più rilevante è senza dubbio Aldo Munuzio. Un umanista che stabilitosi a Venezia da Bassiano grazie ad una riproduzione della macchina di Gutenberg riuscì a produrre degli esemplari bellissimi di classici latini, greci e italiani.
Un altro esperimento interessante fu quello della realizzazione di un libro scritto appositamente pensando alla tipologia di stampa. L’Hypenerotomachia Poliphili è un romanzo scritto proprio con una lingua inventata, in grado di far emergere la genialità e la potenzialità creativa della stampa stessa e di tutta la tipografia, che poteva finalmente ergersi quasi a forma d’arte.

Forse all’inizio nessuno si rese ben conto di cosa significasse l’invenzione della stampa. Ma passarono pochi decenni perché tutti potessero comprendere la portata rivoluzionaria. Ecco quali sono state nel breve e lungo periodo le conseguenze più importanti:

  • I libri divennero accessibili ad un pubblico ampio
  • La chiesa non poté più controllare il contenuto dei libri
  • Le idee di qualsiasi tipo circolavano rapidamente

Se pensiamo anche alla riforma di Martin Lutero, all’affissione delle tesi e alla diffusione molto rapida del suo pensiero, possiamo avere una minima idea di quanto la stampa influenzò anche a livello politico, religioso e culturale la vita delle persone e la storia dell’Umanità.

La stampa è diventato sinonimo stesso di divulgazione. L’ambito giornalistico, grazie al quale le notizie giungono da una parte all’altra con celerità, si è sviluppato grazie a questa invenzione. Prima ci si poteva informare solo trasmettendo notizie oralmente, immagina che grande apporto Gutenberg ha dato alla nostra possibilità di sapere cosa accade nel mondo.

In sintesi ecco le conseguenze più rilevanti dell’invenzione della stampa:

  • Nascita di una letteratura di consumo
  • Diffusione notizie a stampa
  • Standardizzazione del pensiero
  • Standardizzazione dei linguaggi volgari

Non è semplice sintetizzare una delle scoperte migliori dell’uomo, ma speriamo che questo articolo abbia espresso a sufficienza la nostra gratitudine nei confronti di Gutenberg e di tutti i protagonisti che hanno contribuito a far crescere e diffondere la stampa.

 

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali