informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Musica per studio intenso: le nostre playlist

Commenti disabilitati su Musica per studio intenso: le nostre playlist Studiare a Trieste

Sei seduto alla tua scrivania, alla ricerca di musica per studio intenso. Ti attende una lunga sessione di esami e sai che riuscirai a superarla soltanto se avrai come fedele compagna lei, la musica del tuo cuore. Ma anche quella che ancora non hai esplorato, capace di far danzare le tue sinapsi in modo rapido ed entusiasta verso il collegamento di concetti complessi e l’apprendimento di una grande quantità di nozioni. Ci vogliono le giuste playlist. Ed oggi è il tuo giorno fortunato perché noi ne abbiamo alcune a prova di trenta e lode.

Musica per studiare tanto: quale funziona?

musica rilassante per lo studioLa scienza non ha trovato un parere unanime rispetto alla comprovata efficace della musica nel miglioramento delle prestazioni di studio. Scienza a parte è una questione legata alla predisposizione personale e alle abitudini. Se riesci ad avere un buon livello di concentrazione su più cose contemporaneamente allora sei in grado anche di studiare con un sottofondo, di qualsiasi tipo. Altrimenti necessiti di silenzio, pertanto non è neanche particolarmente utile per te arrivare alla fine dell’articolo. Però se continuerai a leggere sappi che potresti scoprire un mondo nascosto, una musica per studiare che finalmente sarà in grado di innalzare le tue prestazioni e favorire in modo pulito, immediato e rilassato la tua attenzione.

Quindi va bene la musica per le sessioni di studio ma dipende da te. E non solo. Dipende dal tipo di musica. Se tu ami un genere in particolare può farti sentire a tuo agio e stimolato mettere il tuo cd preferito come sottofondo, ma probabilmente la tua mente tenderà a focalizzarsi spesso su quell’assolo lì, su quell’altro strumento là. E non va bene. Non vanno bene neanche le canzoni con ritmi troppo incalzanti e con testi accesi e complessi. No al rap, al metal, al rock duro, e tanto meno alla trap. Invece sì alla musica:

  • Ambient
  • Trip hop
  • IDM
  • Classica
  • Downtempo
  • Minimalista
  • Acusmatica
  • Musica concreta
  • Musica strumentale

Buona parte di questi generi sono dentro la grande famiglia della musica elettronica, ma non solo. Questo perché grazie all’elettronica è possibile riprodurre suoni e frequenze in grado di attivare delle parti del cervello deputate all’attenzione e alla concentrazione. Seguici in questo fantastico viaggio nella musica per memorizzare e studiare meglio e avrai delle playlist meravigliose per gli esami del tuo corso di laurea.

Playlist per lo studio: le nostre preferite

Abbiamo fatto una ricerca su quali fossero i generi più adatti per lo studio matto e disperatissimo. E in cima alla nostra lista è giunta la musica ambient. Questo genere che purtroppo resta ancora sconosciuto ai più custodisce perle di rara bellezza ma soprattutto brani che aprono la mente alla possibilità di rilassarsi ed essere più produttive.

Ci sentiamo di dover spendere qualche parola sulla potenza di questa musica e per levare qualsiasi fraintendimento sottolineiamo che la musica ambient:

  • Non è musica coi suoni della natura
  • Non è musica per gli ambienti

Con questo temine si intende un genere che ricrea delle atmosfere. Sono questi “ambienti sonori” il nucleo essenziale di questa tipologia musicale, non il ritmo e la struttura. I brani dei più grandi esponenti del genere restano impressi per la capacità di creare spazi musicali nuovi, che possono ricordare gli ambienti naturali, ma non necessariamente. Il più grande musicista ambient è Brian Eno. E partendo da lui puoi creare una playlist aggiungendo:

  • Harold Budd
  • Stars of the Lid
  • William Basinski
  • Tim Hecher
  • Chihei Hatakeyama

Stiamo parlando di musica con decenni di storia. Ti stupirai del mondo che c’è dietro questo genere, che affonda le radici probabilmente nella musica concreta e nella musica minimalista. Vediamo anche queste nel dettaglio così troverai altri spunti per arricchire la tua playlist per lo studio.

Musica adatta a studiare: minimalista e concreta

musica adatta per studiareLa musica minimalista nasce da Pierre Schaffer, e da qui si presume che nacque la musica elettronica. Veniva realizzata utilizzando dei magnetofoni o giradischi e registrando dei suoni che poi venivano manipolati. I suoni registrati provenivano da:

 

  • Rumori
  • Strumenti tradizionali
  • Voci
  • Suoni naturali

Anche se si tratta di qualcosa di estremamente sperimentale e insolito può essere una musica perfetta per concentrarsi, perché ricrea una naturalità nell’ambiente, non presenta particolari variazioni di ritmo ed è totalmente priva di testo. Tra gli artisti da segnare per la super playlist motivazionale ti consigliamo di scegliere:

  • Bernard Parmegiani
  • François Bayle
  • John Cage

Soprattutto il primo ti potrà tenere divinamente compagnia in qualsiasi tragico momento di sconforto.

La musica minimalista però è molto meglio, dobbiamo ammetterlo. Provala, non te pentirai. Anzi, probabilmente ci sarai già arrivato da solo. Mai sentiti i nomi di:

  • Terry Riley
  • Steve Reich
  • Philip Glass
  • Erik Satie

Se la risposta è no rimedia immediatamente! La musica minimalista per studiare rende semplice qualsiasi cosa complessa, anche le ore di studio, anche i manuali di ingegneria più assurdi in assoluto. Schemi semplici e costanti, orchestre o piani solo che riproducono calma e pace che il tuo cervello recepisce subito come la perfetta colonna sonora per studiare fino a notte fonda.

Canzoni per studiare: quali scegliere

Ti abbiamo già detto che siamo convinti che la musica elettronica abbia una marcia in più. Quella distensiva, più tranquilla e meno ritmata. Un esempio rappresentano la musica downtempo e la IDM. Per che cosa sta questa sigla? Per Intellingent Dance Music, quindi che cosa c’è di meglio di una musica intelligente? Per dare ancora più spessore alla tua playlist di studio prova ad aggiungere qualche traccia dei seguenti gruppi:

  • Telefon Tel Aviv
  • Autechre
  • Oval
  • Lali Puna
  • Moderat

Ovviamente tra questi gruppi dovrai comunque operare una selezione su quello che rispecchia i tuoi gusti e che pensi che aiuti i tuoi neuroni a prepararsi a recepire le nozioni nel modo migliore.

Anche la downtempo agisce in maniera favorevole sul cervello creando un ambiente sereno e al tempo stesso stimolante. Simile alla musica ambientale e all’house ha un ritmo semplice e molto calmo, ideali per fare da sfondo ad una sessione di studio. Rispetto alla musica ambientale mette l’accento su ritmo e groove, però senza esagerazioni. Ti consigliamo di ascoltare:

  • Kruder & Dorfmeister
  • Bonobo
  • Gotan project
  • Four tet
  • Tosca

Per il momento con la musica elettronica abbiamo concluso, non ci resta che addentrarci nel mondo della musica classica, tradizionalmente la musica più adatta alla concentrazione.

Musica strumentale e classica per lo studio

La musica di Mozart è stata scientificamente studiata per comprendere quali conseguenze positive riversa sul funzionamento del cervello. I risultati sono stati stupefacenti. Per cui ti consigliamo ovviamente di metterlo in lista. Ma non fermarti a questo grande nome. La musica classica continua ad essere fonte di ispirazione per molti musicisti. Fai una ricerca e lasciati guidare dall’intuito.

Puoi allargarti fino ad abbracciare la musica strumentale e sperimentale, individuando le sonorità che ti ispirano di più. Per strumentale possiamo intendere Ludovico Einaudi e Giovanni Allevi, solo per citare i più famosi. Se invece ti affascina maggiormente un approccio più sperimentale prova ad ascoltare Uakti, un gruppo brasiliano che crea straordinarie musiche con strumenti autoprodotti, oppure Sir Richard Bishop, un chitarrista strumentale che si adatta molto bene ai pomeriggi di studio. E poi ci sono le colonne sonore.

La varietà della musica è infinita. Le potenzialità sono immense. Utilizzarla per lo studio è un immenso piacere, perché ti guida verso un’attitudine mentale più attenta e predisposta alla concentrazione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali