informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Perché prendere un dottorato? Prospettive e opportunità

Commenti disabilitati su Perché prendere un dottorato? Prospettive e opportunità Studiare a Trieste

Come in tutte le scelte della vita ci sono vantaggi e svantaggi. Perché prendere un dottorato quando nella vita potresti lavorare in un settore professionale e non accademico? Quali sono le prospettive che allettano maggiormente gli studenti che decidono di infondere determinazione, impegno e volontà nella formazione post universitaria. Perché non accontentarsi di un master a Trieste e continuare con il dottorato? Vediamo quali sono le prospettive future e le opportunità per gli studenti.

Dottorato di ricerca in Italia

dottorato stipendiParliamo un po’ di come nasce il dottorato nel sistema universitario italiano. Secondo la pagina Wikipedia, che raccoglie i profili e le caratteristiche delle forme di dottorato di ricerca nel mondo e nel nostro Paese, questo ulteriore step universitario è stato previsto dalla legge delega del 21 febbraio 1980, n.28, ed è istituito tramite Decreto Ministeriale qualche anno dopo, il 5 giugno del 1982. I corsi di studio sono stati attivati principalmente nel 1983.

Agli esordi il titolo accademico che si otteneva tramite dottorato era valutabile solo nell’ambito della ricerca scientifica. Tuttora rappresenta il terzo livello di studi ed è considerato il più alto dell’istruzione universitaria. I requisiti di ammissione per la legge italiana fissano il possesso della laurea magistrale rilasciata da un’università italiana, oppure un titolo equivalente, come anche un diploma di laurea ottenuto in un altro Stato e dichiarato equipollente.

In italiano ci riferisce al titolo con l’abbreviazione Dott. Ric. anche se viene molto più frequentemente utilizzata la modalità inglese Ph.D.

Si accede ai corsi tramite concorsi, anche di tipo internazionale, che vengono indetti dalle singole università italiane. I requisiti di ammissione ai corsi e le modalità specifiche possono essere stabilite dalle singole università in autonomia, così come per le denominazioni dei corsi stessi. Il dottorato di ricerca di solito dura circa tre anni accademici e si conclude con la discussione di una tesi con esame finale.

I titoli conseguiti presso altri Stati, non vengono automaticamente riconosciuti, ma possono essere utilizzati come previsto dalla legge, previo riconoscimento da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Quando fare il dottorato

Come abbiamo visto la partecipazione a un dottorato è vincolata ai concorsi e al conseguimento del titolo di laurea magistrale. Quando ci si iscrive all’Università non si è soliti guardare così tanto oltre, così capita spesso che le persone che arrivano a fare il dottorato lo abbiano scelto durante la frequentazione del corso di laurea magistrale.

Il dottorato è per impostazione molto diverso dall’università come viene conosciuta e vissuta durante i corsi di laurea. Chi ci arriva ha un bagaglio di esperienze strutturate, spesso anche professionali, non soltanto accademiche. A volte è un’alternativa validissima e allettante alla ricerca di un lavoro. Ma soprattutto è un percorso legato strettamente alla vocazione nei confronti della formazione. Gli studenti del dottorato si sentono a loro agio nell’ambiente accademico, partecipano attivamente alla vita dell’università, partecipano ai convegni, e questo spesso li porta ad avere ottimi rapporti con i docenti, che sono coloro i quali a volte si spingono a suggerire ai più promettenti di iscriversi al concorso per il dottorato. Quindi alla domanda: quando fare il dottorato? La risposta univoca non esiste, ma indubbiamente iniziare a focalizzare questo obiettivo quando si è creata una bella sinergia tra i docenti e lo studente, tra il contesto accademico, gli interessi personali e le prospettive di formazione, allora è giunto il momento di parlare tentare qualche concorso.

Il dottorato, per moltissimi che lo hanno vissuto, non è solo una full immersion nella ricerca legata all’ambito disciplinare di appartenenza, ma è anche considerato un percorso di auto-conoscenza. Nell’interazione e nell’azione che si mette in campo tutti i giorni lo studente impara a mettere in pratica e ad allenare le competenze comunicative, soprattutto se gli viene richiesto di presentare la ricerca presso convegni o giornate di studio, interne o esterne alla facoltà.

L’altro vantaggio innegabile del dottorato è l’esclusività e la personalizzazione del percorso. Trattandosi di un percorso individuale si differenzia dalle modalità didattiche dei corsi di laurea triennali e magistrali e si concentra sugli interessi, gli strumenti conoscitivi, espostivi e critici peculiari dello studente che porta avanti il dottorato.

Svantaggi del dottorato

concorso per il dottoratoAhimè, dobbiamo anche parlare di questa eventualità. Il dottorato potrebbe presentare degli svantaggi, degli elementi che a volte vengono sottolineati negativamente da chi lo ha fatto o da chi lo sta facendo. Intraprendere un percorso così impegnativo inizialmente può motivare, ma a lungo andare rischia di essere frustrante, anche perché si è consapevoli che il dottorato è un percorso temporaneo che in una percentuale significativa di casi non porta a ulteriori sbocchi.

Il dottorato di ricerca è un percorso impegnativo, che spesso ruba tempo e fatica, e anche se ripaga alla grande può essere in parte causa di stress.

Si deve fare questa scelta se si è motivati da una grande passione, e se si è animati da una buona forza di volontà. Il lavoro dipende molto da questi aspetti. Ma non solo, anche dal tipo di università che si frequenta e dalle persone che la popolano.

Dottorato di ricerca e PhD

Come abbiamo detto il dottorato di ricerca è il grado di istruzione più alto che si possa ottenere in Italia. Chi ottiene questo titolo può fare ricerca nel proprio campo di interesse. Il dottorato è utile anche per la partecipazione ai concorsi, dove questo livello di formazione viene conteggiato positivamente al fine della valutazione finale e sulla base della pertinenza della materia della classe di concorso.

Per vincere il dottorato si devono superare delle prove che possono essere sia scritte che orali. Il numero dei posti che vengono destinati dalle università ai dottorandi può essere ripartito secondo questo modalità:

  • Dottorati di ricerca con borsa
  • Dottorati di ricerca con retribuzione mensile
  • Dottorati di ricerca senza borsa

In quest’ultimo caso lo studente versa le tasse universitaria. La durata è generalmente di tre anni, m ci sono casi di dottorati che durano anche cinque anni.

Il Philosophiae Doctor (PhD) è il corrispettivo internazionale del dottorato italiano, e possiamo considerarlo come l’ultimo livello di formazione universitaria a livello mondiale. Chi affronta la carriera accademica come PhD lo fa perché sa che questo titolo gode di un prestigio ulteriore, che è anche di tipo internazionale.

Stipendio del dottorato

Il trattamento economico che spetta agli studenti del dottorato dipende dai singoli bandi dei concorsi. Gli atenei vengono mettono a disposizione alcuni posti con borsa e altri senza borsa di studio. Coloro che guadagnano un punteggio maggiore nella graduatoria entrano tra i selezionati con borsa di studio e riceveranno un assegno mensile di circa 1200 euro per un importo totale di circa 13.000 euro. Il dottorato di ricerca dal punto di vista previdenziale rappresenta una collaborazione coordinata e continuativa. Dunque il dottorato viene iscritto alla gestione separata INPS e a questa posizione previdenziale vengono versati i contributi.

Se lo studente si reca per ricerca presso atenei esteri è previsto che l’assegno mensile che gli spetta venga aumentato.

Quelli che si sono ritrovati al fondo della graduatoria possono partecipare al dottorato ma senza percepire alcuna indennità economica.

Insomma, fare il dottorato è una gran bella soddisfazione, impegnativo, ma arricchente.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – nicoletaionescu

Credits foto 1: Depositphotos.com – valphoto

Credits foto 2: Depositphotos.com – duiwoy

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali