informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Storia di Trieste dalla nascita ad oggi

Commenti disabilitati su Storia di Trieste dalla nascita ad oggi Studiare a Trieste

Sono moltissimi i giovani universitari iscritti ai corsi online della Unicusano ad essere interessati alla storia di Trieste, la loro città, partendo dagli albori fino ad oggi. Essendo un territorio di confine, infatti, tra la popolazione si sente l’appartenenza a ceppi diversi sia linguisticamente sia culturalmente.

trieste storiaInoltre l’interesse verso la propria storia è assai radicato tra le nuove generazioni di giovani triestini che sempre più si appassionano ad usi e costumi al fine di valorizzare il territorio e comprenderne a fondo le potenzialità.

Proprio su questo filone, ad esempio, si sta sempre più sviluppando in zona un turismo sostenibile che mira a potenziare e sviluppare le risorse del territorio, facendole conoscere a turisti di tutta Europa e tutto il mondo, senza ovviamente dimenticare gli italiani.

Per dirne una, si sta sviluppando sempre più un turismo legato al filone enogastronomico della zona: se battutissime sono le vie del vino del Friuli Venezia Giulia, altrettanto da conoscere sono le specialità gastronomiche influenzate dalla cultura slava e balcanica.

Dunque è facile ricollegarci alla storia di Trieste e alle peculiarità che questa conferisce a ciò che gli universitari che risiedono, studiano e vorrebbero lavorare in questa città vogliono potenziare e valorizzare. Prima di tutto, però, occorre conoscere la storia di Trieste e del Friuli partendo proprio dagli inizi

Trieste: storia, cultura e tradizioni

Iniziamo allora a vedere nel dettaglio come la città ha fatto fronte nelle diverse epoche storiche e come queste peculiarità “immagazzinate” nel corso degli anni possono essere ritrovate ancora oggi…

Trieste nell’antichità

Le origini della città di Trieste sono davvero antichissime tanto che si possono far risalire già all’epoca preromana. Ma la città assunse la connotazione di “urbe” solo dopo il II secolo d.C. quando questo piccolo borgo abitato solo da pescatori divenne colonia romana di conseguenza arrivarono le prime opere architettoniche come  il Foro ed il Teatro, i cui resti sono visibili ancora oggi sul colle di San Giusto.

Dopo i fasti imperiali di Roma, la città decadde a seguito delle invasioni barbariche a partire dall’inizio del III secolo d.C. Queste invasioni e le varie occupazioni durarono fino al IX secolo quando la città arrivò sotto l’egemonia dei Franchi.

Trieste e le dominazioni straniere

Trieste come libero comune si riuscì ad affermare solo nel 1300 quando la popolazione si affidò alla protezione di Leopoldo III d’Austria, instaurando così un lungo e fecondo rapporto con la dinastia asburgica. Sotto l’Austria, infatti, Trieste assunse la connotazione di Porto Franco arrivando così ad essere uno dei principali porti europei e il più grande e frequentato dell’Impero.

In quel periodo, inoltre, Trieste iniziò a palesare la sua connotazione multietnica in quanto la città – fiorente porto e nodo economico e commerciale – diventò meta di immigrazione per istriani, veneti, dalmati, friulani, sloveni,(austriaci, ungheresi e anche serbi e greci.

Gli abitanti di Trieste, così, iniziarono a delinearsi nel crogiuolo di razze che sono tutt’ora e che – conseguentemente – si rispecchia negli usi e costumi e nella tradizione culinaria triestina. E non solo: il cosmopolitismo a Trieste si può vedere anche nella varietà di luoghi di culto, nei dialetti, nei nomi e nei cognomi stessi dei triestini.

Un dato interessante (anche se la statistica è di inizio ‘900) riguarda le differenze linguistiche: il 51,8% degli abitanti parlava italiano, 24,8% sloveno,  il 5,2% tedesco e l’1% il serbo o croato.

Questo fu anche il periodo della grande espansione cittadina: il vecchio borgo antico non riuscì più a contenere tutta la popolazione e così la città si espanse guadagnando terreno sul fronte mare e collegando progressivamente i vari colli che si protendono a ventaglio dall’interno verso la costa.

La Trieste moderna

Il passaggio alla Trieste moderna avvenne nel 1719 di pari passo con l’editto emanato dal re Carlo VI che sancì per la città la condizione di Porto Franco e questo fece accrescere a dismisura i già numerosi traffici portuali e commerciali portando alla città ricchezza e prosperità.

Nel XIX secolo vennero fondati in città banche, grandi gruppi assicurativi e la Borsa – a dimostrazione dell’agiatezza dei triestini e della floridità dei commerci.

Nonostante la ricchezza e il dominio dell’Austria, Trieste continuò sempre ad avere stretti rapporti con l’Italia sia commerciali sia culturali; ecco perché la spinta verso l’annessione è sempre stata molto forte.

Negli anni della Prima Guerra Mondiale, nelle montagne friulane si combatté proprio con questa finalità: riannettere Trento e Trieste all’Italia, strappandole dal gioco austriaco. Il ritorno all’Italia, così lungamente atteso, avvenne nel 1918, in un tripudio di bandiere tricolore. Unico punto a sfavore fu il fatto che Trieste perse la sua unicità di Porto Franco e la sua connotazione commerciale mitteleuropea, essendo “retrocesso” a porto qualunque.

In seguito alla disfatta della seconda Guerra Mondiale, invece, scoppiò la cosiddetta “questione triestina” in riferimento  alla contesa sui territori della Venezia Giulia tra Italia e Jugoslavia. In questo periodo di tensioni sociali e politiche, molti dissidenti persero la vita ed i loro corpi vennero gettati nelle cosiddette “foibe”,  delle cavità carsiche tipiche ella zona, da parte dei partigiani jugoslavi e dell’OZNA.

Nonostante l’occupazione italiana e la successiva annessione (nel 1920), l’armistizio dell’8 settembre 1943 sancì occupazioni militari da parte di tedeschi e truppe jugoslave nei territori del Friuli. Solo l’intervento degli alleati americani ed il successivo trattato di Parigi del 1947 riuscirono a far concludere la questione – purtroppo a sfavore dell’Italia.

Infatti, Trieste e l’Istria vennero inizialmente suddivise in due zone (A e B) amministrate militarmente dagli alleati e dagli jugoslavi: la prima comprendeva il litorale giuliano da Monfalcone fino a Muggia più l’enclave di Pola, la seconda il resto dell’Istria. La situazione si sancì definitivamente solo nel 1954  quando col Memorandum di Londra la Zona A passò all’amministrazione civile del governo italiano, mentre l’amministrazione del governo militare jugoslavo sulla Zona B passò al governo della Repubblica socialista.

Questa divisione di territori venne, infine, ratificata da un trattato NATO nel 1975.

Enogastronomia a Trieste e in Friuli

Come già accennato, una delle peculiarità di Trieste è il cibo tipico. Dunque qui di seguito vediamo alcune pietanze tipiche del Friuli: dall’aperitivo fino ai dolci.
pietanze tipiche friuli
Per l’aperitivo il must sono spritz e rebechin (stuzzichini): nello specifico polpette di carne, tartine di pane con prosciutto e kren grattuguato, jamar e tabor.

Tra i primi piatti segnaliamo senza dubbio la jota: zuppa di fagioli, crauti e cotenna di maiale, la minestra di fagioli e bobici (mais) e gli gnocchi di pane conditi con il gulash.

Proprio il gulash così come il tabor sono protagonisti dei secondi piatti tipici della zona insieme alle luganighe viennesi (salcicciotti lunghi), le cevapcici (salciccette di carne macinata insaporite con l’uso delle spezie), la calandraca (spezzatino), i capuzi (crauti) e le patate.

Anche i secondi piatti a base di pesce sono tutti da gustare: sardoni in savor, pedoci allo scotadeo, gamberi alla besara, merluzzo alla istriana e baccalà mantecato.

Infine, anche la pasticceria triestina è famosa e buonissima. I pezzi forti ci sono tutti: putizze, pinze, fave e strucoli. Tra i dolci segnaliamo anche gli gnocchi di susine che molti ristoranti servono ancora come primo piatto.

Infine, un buon pasto non può che essere accompagnato da un bicchiere di buon vino. I vini tipici del Friuli sono il rosso Terrano e la vitovska, un ottimo vino bianco usato negli aperitivi

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali