informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tesi diritto penale: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Tesi diritto penale: quello che devi sapere Studiare a Trieste

Gli studenti che scelgono di scrivere una tesi in diritto penale sono tanti. D’altronde si tratta di una delle branche più interessanti e articolate del diritto, che si occupa dei reati e delle pene. Lo studio dell’ordinamento giuridico e del diritto pubblico sono parte integrante di questo settore e chi si accinge a scegliere un argomento di tesi in questa area di studi deve esserne consapevole. In questo articolo ti forniamo indizi, suggerimenti e consigli pratici per realizzare un progetto di tesi rigoroso, perfetto per portare a casa il massimo dei voti e il bacio accademico.

Il diritto penale come argomento di tesi

Le norme relative ai reati e anche tutte le pene contenute nel Codice Penale. C’è molto, molto da studiare, ma questo probabilmente lo sai già. È stata una grossa sfida superare tutti quegli esami, imparare e ricordare come lo Stato stabilisce pene corrispondenti ai reati, ma ci sei riuscito e hai provato talmente tanta soddisfazione che al momento di scegliere l’argomento di tesi in giurisprudenza non hai avuto dubbi: il diritto penale.

Lo stato italiano, come praticamente tutti gli Stati del mondo proibisce determinati comportamenti, definiti reati. Il meccanismo di proibizione prevede anche la minaccia di una sanzione: la pena. Tale meccanismo è instaurato a supporto del mantenimento dei valori fondanti di uno stato e di un popolo. Ci sono tre tipi di reati o illeciti:

  • Reati penali
  • Reati civili
  • Reati amministrativi

A questi corrispondono precise sanzioni che possono essere di due tipi: civili o amministrative.

I reati penali si dividono invece in:

  • Delitti
  • Contravvenzioni

studente diritto penale

I primi prevedono pene più severe, che vanno dall’ergastolo alla multa, mentre le seconde prevedono pene che vanno dall’arresto all’ammenda. Dunque in sintesi una tesi di diritto penale affronterà una questione che ha come focus la disposizione penale, composta da questi due elementi essenziali:

  • Precetto
  • Sanzione

Il precetto è la proibizione di un dato comportamento, mentre la sanzione è la conseguenza prevista per tale violazione del precetto.

Scrivere una tesi in diritto penale

La redazione di una tesi di laurea in giurisprudenza prevede un percorso di approfondimento della disciplina entusiasmante ma al tempo stesso impegnativo. Per non perdere la pazienza fin da subito è meglio procedere seguendo un percorso a tappe.

L’obiettivo di una tesi di diritto, valido anche per altre materie, è quello di realizzare un progetto unico, un lavoro autentico in cui, forse per la prima volta, lo studente è autore. Originalità, accuratezza e metodo sono parole importanti, non lasciarti sfuggire nessuno di questi aspetti.

Scegli un argomento di tesi nuovo e accattivante. Esegui il lavoro di ricerca con strumenti e fonti adeguate e impiega il giusto tempo per iniziare la tesi di laurea nel migliore dei modi, portarla avanti e concluderla con la giusta cura e attenzione.

I punti essenziali della redazione di una tesi in diritto efficace sono:

  • La scelta dell’argomento
  • Il metodo di ricerca
  • La trattazione dell’argomento
  • Le fonti

Tratteremo nel dettaglio i vari punti per fornirti una panoramica ragionata dei vari passaggi e delle caratteristiche che deve possedere una tesi vincente.

La scelta dell’argomento: diritto penale

Non fermarti ad un solo argomento. Avrai sicuramente individuato un topic che ti risuona particolarmente, ma non ti chiudere altre porte. Resta aperto a nuove proposte. Possono arrivare dal tuo relatore, ad esempio. Il titolare della cattedra in diritto penale dovrebbe essere il professore giusto per accompagnarti in questo percorso di elaborazione, insieme a lui deciderai quale sarà effettivamente il tema trattato e potrai già individuare un titolo da presentare alla segreteria, che potrai eventualmente cambiare qualora dovessi cambiare idea.

Un argomento per la tesi in materia penale deve possibilmente essere:

  • Attuale
  • Di ampio respiro
  • Stimolante

Possono sembrarti consigli campati in aria, ma gli studenti dei nostri corsi di laurea in giurisprudenza e gli stessi docenti sanno che una tesi in diritto penale che si occupa di questioni odierne, dibattute dall’opinione pubblica e sensibili per la collettività sono quelle che interessano maggiormente i professori della commissione e qualsiasi altro lettore.

Soprattutto per le tesi di laurea della triennale è consigliabile non addentrarsi senza cognizione di causa in territori spinosi. La materia prevede l’apprendimento di un corpus di nozioni davvero notevole. Meglio non impelagarsi in questioni che potrebbero condurre la tesi in un vicolo cieco, in cui gli approfondimenti non finiscono mai. Meglio esporre concetti generali e fare excursus più generici, per poi alla specialistica scendere maggiormente nel dettaglio e supportare ciò che è stato fatto con un ulteriore approfondimento.

La ricerca del materiale

Le fonti e la loro attendibilità è una questione che sta a cuore a tutti: docenti e studenti. Internet ha portato enormi benefici alla collettività, come la possibilità di fare l’università on line, direttamente da casa. Ma i canali di informazione odierni non bastano per scrivere una tesi di laurea, non solo, possono essere di supporto ma vanno selezionati rigorosamente.

Le ricerca e lo studio delle fonti e di materiale di riferimento non sono da considerare due attività da fare una volta individuato l’argomento, anzi. Può essere di grande aiuto nella scelta la lettura di:

  • Rivista italiana di diritto e procedura penale
  • Archivio penale
  • Indice penale
  • Cassazione penale
  • La legislazione penale
  • Il sito penalecontemporaneo.it

A dimostrazione del fatto che internet ha una validissima percentuale di fonti di livello abbiamo voluto inserire questo sito internet, da cui reperire spunti e altro per scrivere la tesi.

Un canale da non sottovalutare, oltre a quello virtuale, è quello bibliotecario. Le facoltà universitarie sono spesso le sedi delle biblioteche di dipartimento. In quelle di settore (ma anche in altre ben fornite) è possibile trovare molto materiale disponibile.

Come trattare l’argomento della tesi

La tesi è tua, dimostralo. L’idea di fonda che guida un buon progetto di redazione è l’esposizione chiara della propria opinione, attraverso la rassegna di pensieri, riflessioni e citazioni che supportano questa posizione o di ricerche che dimostrino la sua validità.

Ogni volta che si scrive un capitolo, un paragrafo è molto importante riflettere attentamente sul contenuto proposto e sulla formattazione con cui viene esposto. Queste le caratteristiche che deve possedere:

  • Le fonti tratte dalla letteratura devono essere esplicitate (virgolette, note, etc.)
  • Dati e informazioni devono essere confermati dalle note in cui si cita la fonte
  • Opinioni personali sono accolte solo se supportate dall’elaborazione del materiale studiato

Per quanto riguarda la formattazione della tesi di laurea, con indicazioni tecniche sull’inserimento delle note e delle citazioni rimandiamo al famoso manuale di Umberto Eco su come scrivere una tesi di laurea, tuttora il best seller su questo argomento a decenni dalla pubblicazione. Un paragrafo a parte meritano le citazioni, che in all’interno di una tesi di giurisprudenza meritano un discorso a parte.

Le citazioni in diritto penale

Come abbiamo detto poco fa le citazioni vanno inserite nelle note, ma ci sono delle regole da rispettare, ferree soprattutto in questo caso. L’uniformità della tesi, intesa come precisione nella redazione degli elementi, è un altro punto in più per giungere al massimo dei voti.

Per la materia di cui stiamo parlando esistono tre tipi di fonti da citare:

  • Giurisprudenza
  • Legislazione e normativa
  • Dottrina

argomenti tesi diritto penale processuale

Nella prima soprattutto è molto importante utilizzare correttamente le abbreviazioni, solo nelle note, mentre nel testo si può citare per esteso, ad esempio la singola sentenza.

Ognuna di queste fonti ha regole particolari, che poi si ripetono anche per la stesura di un altro importante elemento della tesi: la bibliografia. Assicurati di avere sempre a portata di mano il documento che ti viene dato a fine corso di laurea su come scrivere la tesi, dove tutte queste indicazioni sono spiegate chiaramente.

Ora è arrivato il momento di iniziare a scrivere, abbi rispetto e sii orgoglioso del lavoro che stai facendo, vedrai che la tua tesi sarà un successo.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali