informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tutela della proprietà intellettuale: cos’è e a cosa serve

Commenti disabilitati su Tutela della proprietà intellettuale: cos’è e a cosa serve Studiare a Trieste

La tutela della proprietà intellettuale è la materia della giurisprudenza che si occupa di proteggere la produzione creativa dell’individuo in campo sia artistico che scientifico. Una garanzia per tutti coloro che fanno nascere delle idee geniali e vogliono proteggerle dalla speculazione. Ecco spiegato nel dettaglio che cos’è e come funziona

Tutela della proprietà intellettuale: definizioni

copyright come funzionaEsiste la proprietà intellettuale, anche se le idee non hanno materia e forma fisica da esse possono manifestarmi opere d’arte, invenzioni e creazioni di ogni sorta. Dal diritto nasce una branca specifica che si occupa di queste questioni. Numerose norme e principi si premurano di proteggere le creazioni dell’intelletto e a seconda dell’oggetto in questione si applica un’iniziale distinzione:

  • Proprietà industriale
  • Copyright

La proprietà industriale non è la proprietà intellettuale, sono due cose ben diverse. Quella industriale si riferisce alla tutela dei brevetti, ma anche dei loghi, delle immagini legati ad un brand, marchi e segni che distinguono l’immagine stessa dell’azienda.

Il copyright invece (o diritto d’autore) è la parte più legata alle opere artistiche, ma anche ai disegni di tipo architettonico o alle produzioni in ambito letterario (romanzi, racconti, opere teatrali, saggi e molto altro).

Anche la tutela stessa può essere suddivisa in due categorie:

  • Tutela dal punto di vista personale
  • Tutela dal punto di vista patrimoniale

La prima è volta a garantire il riconoscimento dell’autore dell’opera, sancendo il suo diritto ad essere tutelato come scrittore o inventore, ad esempio.

Il secondo tipo di tutela, quella patrimoniale, garantisce il diritto dell’autore allo sfruttamento economico o commerciale della sua opera, includendo la possibilità di cedere i diritti di utilizzo di sfruttamento.

Opere dell’ingegno, brevetti e marchi

Il diritto ha strutturato una serie di norme per mettere ordine in eventuali diatribe inerenti la proprietà delle idee. Tali invenzioni dell’intelletto vengono anche chiamate opere dell’ingegno, un nome specifico della giurisprudenza che suona molto bene e restituisce l’idea della bellezza di queste creazioni. Opere che nascono dai talenti e dalle capacità degli individui, e che devono essere protette per assicurarne il valore e la proprietà di chi le ha ideate.

Le opere dell’intelletto in diritto vengono sottoposte a diversi regimi normativi a seconda delle loro caratteristiche e della tipologia di cui fanno parte:

  • Innovazioni tecniche e di design
  • Segni distintivi
  • Opere dell’ingegno creative

Nonostante provengano tutte dalla stessa fonte (creatività o intelletto) le prime sono invenzioni, disegni e modelli industriali, i secondi sono tutti i marchi che si riferiscono ai prodotti o ai brand (siano esse insegne o denominazioni, etc.). Le ultime sono tutte le opere che rientrano nel mondo della produzione culturale, artistica e creativa in senso ampio. Spesso si fa fatica ad accettare che le idee abbiano una proprietà, ma è così e tale dev’essere per dare valore al contributo che uomini e donne di cultura portano nel mondo, frutto di esperienze, studi, talenti o lampi di genio che si sono palesati grazie a loro e a nessun altro.

Per difendere la proprietà intellettuale sono stati istituititi degli uffici di marchi e brevetti in cui vengono:

  • Brevettate invenzioni e modelli di utilità
  • Registrati marchi, disegni e modelli

Sono questi i principali meccanismi di difesa. In Italia l’ufficio si occupa di questi processi l’Ufficio italiano Brevetti e Marchi (UIBM) che fa capo al Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre a regolare tutte le attività di tipo amministrativo legate ai procedimenti di brevettazione e registrazione compie un’interessante lavoro di divulgazione, registrando nella sua banca dati tutte le opere d’ingegno poi rese pubbliche sul sito dell’Ufficio.
Chiunque desideri ottenere la proprietà intellettuale su una sua opera deve farne richiesta all’UIBM per ottenere la concessione dei titoli di proprietà, una volta ricevuta la domanda l’ufficio si occupa del controllo formale e tecnico e sceglie se dare alla domanda esito positivo o negativo.

Marchi e brevetti web e non: come registrarli?

registrazione brevettiLa registrazione di un marchio o di un brevetto può essere richiesta all’UIBM seguendo questa procedura:

  • Verifica dei requisiti di legge
  • Verifica che il nome dominio non sia già utilizzato
  • Controllo dell’assenza di connotazioni negative del marchio
  • Verifica che il nome del marchio non sia già esistente

Fortunatamente marchi e brevetti web possono essere registrati via internet, ancora una volta la tecnologia ci semplifica la vita. Molti marchi on line nascono esclusivamente grazie alle potenzialità della rete. Ecco i passaggi da seguire:

  • Iscrizione al portale UIBM
  • Inserimento dati
  • Invio domanda

Analizziamo questi tre passaggi per non perdere i dettagli. Per l’iscrizione è sufficiente connettersi sul sito corretto, dopo la procedura l’utente dovrà effettuare altri passaggi in cui compila e fornisce i dati anagrafici e le caratteristiche peculiari del marchio e brevetto web, insieme ad una serie di documenti da allegare che consentono di completare la trafila. La domanda viene poi inoltrata via web all’Ufficio, che se ne fa carico.

Sul sito UIBM è possibile scaricare i moduli da compilare. Solitamente per completare tutta la trafila sono necessari circa sei mesi, non di meno. Bisogna avere un po’ di pazienza, ma ne vale la pena quando in ballo c’è la proprietà delle tue idee.

La registrazione di un marchio: i costi

Ogni giorno un numero esorbitante di persone si alza di buonumore la mattina e pensa “ho avuto un’idea geniale”. In un mondo in cui tutto è concesso e tutto è gratis gli uffici di registrazione marchi e brevetti sarebbero pieni di individui con molta sicurezza di sé e poche buone idee. Fortunatamente non è così, registrare un marchio ha dei costi e non è così semplice. In Italia i costi sono i seguenti (meglio iniziare a tutelare la proprietà intellettuale sul proprio territorio nazionale, poi si è sempre in tempo per allargare gli orizzonti):

  • 34€ per la tutela della classe di prodotto o servizio
  • 16€ per la marca da bollo
  • 40€ per diritti di segreteria
  • 101€ di tasse all’UIB

Circa 190€, sia per la registrazione di un brevetto che per la registrazione un marchio, che hanno gli stessi costi di gestione e procedura.

Marchi comunitari e internazionali

Abbiamo parlato fino a qui della gestione della proprietà intellettuale a livello nazionale. Ma come fare se si vuole registrare un marchio comunitario. È possibile tutelare un Marchio Unione Europea, siglato come MUE, che garantisce al proprietario la tutela su tutti gli Stati dell’Unione. Una sola procedura per tutto, comoda, efficace e veloce. Anche in questo caso è possibile recapitare la domanda per via telematica all’ dell’EUIPO  (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale. La durata della proprietà è di dieci anni prorogabili. I costi in questo caso aumentano un po’, soprattutto se è necessario registrare più classi di prodotti.

  • 900€ fino a 3 classi
  • 150€ dalla terza classe in poi

Se si desidera è possibile registrare un marchio a livello internazionale, oltre i confini europei. Possono essere scelti paesi che sono al fuori, da selezionare al momento della registrazione. Prima però sarà comunque necessario registrarlo a livello nazionale o comunitario, senza questa condizione non è possibile fare richiesta all’OMPI (Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale) a cui aderiscono 97 stati che cooperano tra loro tramite uffici interni alle singole nazioni. È utile però segnalare un’importante distinzione: il marchio comunitario riceverà protezione in modo automatico su tutti gli stati facenti parte della comunità europea, mentre il marchio internazionale non ha una vera e propria copertura mondiale, ma solo quella degli Stati per cui viene richiesta al momento della registrazione. Non si possono definire preventivamente i costi, perché dipendono dal numero di stati scelti. Sul sito dell’Organizzazione è possibile reperire la lista degli stati membri per fare una prima stima dei costi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali