informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come credere in se stessi: consigli utili per la tua autostima

Commenti disabilitati su Come credere in se stessi: consigli utili per la tua autostima Studiare a Trieste

Ci sono manuali, articoli e corsi interi che insegnano come credere in se stessi. A cosa è dovuta questa impennata di richieste per migliorare la propria percezione di se? Forse la crisi economica ha coinciso con una crisi più profonda, in cui le certezze di ogni tipo sono crollate lasciando un vuoto da colmare, tanto impegno da infondere nelle sfide quotidiane e molto lavoro interiore da fare per gestire i cambiamenti e gli ostacoli. L’autostima è alla base di una vita sana, sia per la mente che per il corpo. In questo articolo vogliamo offrirti qualche utile consiglio su come allenarla, ritrovarla e non perderla mai.

Come ritrovare te stesso

Pensi che credere in se stessi sia qualcosa che a lungo andare porta ad avere atteggiamenti egoistici? Forse ti hanno insegnato che devi sempre essere umile, abbassare la testa, porgere l’altra guancia. L’umiltà è una virtù, certo. Ma quando è troppo diventa un’arma a doppio taglio, che non ti consente di vedere quanto vali e quanto è grande il contributo che porta la tua presenza nel mondo.

Nonostante una miriade di studi, di corsi di laurea in psicologia, di specializzazioni che uniscono gli approcci di varie discipline, non si è ancora giunti a comprendere quale sia il segreto dell’autostima e quello per insegnare davvero a come credere in se stessi. Non c’è una verità assoluta in questo campo. Se pensi che sia dovuto allo status sociale, ti sbagli. Ci sono persone benestanti con seri problemi di fiducia nelle proprie qualità e persone che vivono con l’essenziale ed emanano quel fascino di chi sa il fatto suo.

Pronto a iniziare questo viaggio meraviglioso che ti condurrà a brillare della tua propria luce?

Come migliorare la stima di te

autostima come migliorarlaNon è facile resistere agli urti della vita e acquisire fiducia in se stessi. Un giorno cammini spensierato per i sentieri dell’esistenza, il giorno dopo tutto cambia. Un evento spiacevole, come una separazione o un licenziamento, possono provocare una crisi della persona. L’individuo si interroga: perché a me? Cosa ho sbagliato? Allora, se inizia a puntare il dito contro se stesso e a concentrarsi sul senso di sconfitta e fallimento crederà di esserne la causa e non vedrà più il buono di cui è fatto.

È una condizione triste, ma a cui si può porre rimedio, con calma, impegno e apertura mentale.

Ci sono tre qualità dell’individuo che permettono di aumentare l’autostima:

  • Resilienza
  • Assertività
  • Empatia

Ne parliamo meglio, perché con queste tre carte si gioca la partita dell’autostima.

Resilienza è un termine di cui si sente tanto parlare nell’ultimo decennio. In realtà non nasce come termine legato a come sviluppare la propria autostima ma si riferisce a una qualità dei materiali:

la capacità di resistere agli urti senza rompersi.

Che per la persona significa saper superar un trauma in modo costruttivo. Insomma, l’ottimismo è il sale della vita, no? Essere resilienti non significa essere indifferenti o evitare gli ostacoli, ma riuscire a cambiare prospettiva e direzione a seconda degli accadimenti, per trovare nuove soluzioni e lo spirito giusto con cui affrontarli.

Assertività. A noi questa parola ci piace parecchio. È una qualità della comunicazione che esprime autorevolezza e fiducia in se stessi. Qualcuno la scambia per arroganza, ma in realtà si tratta di chiarezza e onestà. Un problema che spesso si associa alla scarsa autostima è il senso di colpa. Ci sono persone che convivono con questa percezione negativa delle proprie azioni in modo costante. Non sanno dire di no e se lo fanno poi si sentono colpevoli, in errore. Ecco, l’assertività ti permette di rifiutare i contesti che non ti risuonano e di abbracciare con fermezza solo le decisioni e le azioni che ti competono come individuo.

Per quanto riguarda l’empatia esistono manuali di psicologia molto interessanti su come lavorare interiormente per acquisire questa capacità di entrare in contatto con le emozioni degli altri. Una bellissima definizione di questa virtù è questa:

mettersi nei panni degli altri senza perdere i propri

Saper osservare una data situazione da diversi punti di vista conduce ad una vita più piena e ad una connessione positiva con il circostante che migliora la qualità della vita di tutti.

Tre cose da fare per avere fiducia in te stesso

Oltre alle teorizzazioni e ai consigli più astratti vogliamo fornirti qualche idea per dare alla tua autostima una marcia in più. Se ti aspetta qualche prova importante è giunto il momento di riconoscere il meglio di te. Ecco tre idee da mettere subito in pratica:

1. Obiettivi concreti e facilmente raggiungibili

I sogni sono desideri, a volte irraggiungibili. Non perdere mai l’aderenza con la realtà. Prima di tutto pensa:

Cosa desidero raggiungere in questo momento?

Poi, una volta che dentro di te è emersa qualche risposta:

  • Scrivi i tuoi obiettivi
  • Mettili in ordine di priorità (confrontando pro e contro)
  • Scegli un periodo di tempo in cui realizzarli

Vedere risultati è importante. Scegli obiettivi a breve termine, fin da subito avrai la sensazione di aver raggiunto qualcosa di importante anche se gli obiettivi che ti sarai posto non saranno grandiosi agli occhi degli altri. Scegli qualcosa che per te conta.

2. No alla fretta

L’obiettivo a breve termine non deve comunque metterti pressione. Non hai fretta, ricordatelo, il tempo è dalla tua parte, ma soprattutto è prezioso. A che serve sprecarlo rimuginando e dandosi addosso senza migliorare la propria autostima per migliorare la propria vita?

Per diventare chi siamo adesso abbiamo impiegato anni. Siediti un attimo: guardati indietro. Quante strade hai percorso per arrivare fino a qui? Quanto tempo ci è voluto prima di finire il tuo corso di laurea? Quanto prima di capire che devi credere in te stesso? Il cambiamento non starà subito dietro l’angolo, si trova nel momento giusto e nel posto giusto, solo con perseveranza e pazienza lo raggiungerai.

3. Concentrati sul momento presente

esercizi per la fiducia in se stessiSembra in contraddizione con quanto detto finora. Ma come? Devo puntare un obiettivo ma pensare al presente? Esatto! Focalizzati su qui e ora, perché il passato non si può cambiare e il futuro non è ancora arrivato. L’unico momento su cui puoi intervenire è il presente. E allora apriti ad ogni istante con le tue migliori intenzioni e con autostima, perché qualsiasi cosa stai facendo la stai facendo bene se ci metti la tua presenza e attenzione. Un antico guru indiano diceva: qualsiasi cosa fai, falla bene. Prendi le attività quotidiane come se fossero esercizi per l’autostima. A fine serata saprai che hai dato il massimo, andrai a letto sereno e rigenerato, pronto a fare un piccolo passetto in più il giorno dopo.

La vita ci pone di fronte a momenti difficili, sono come dei giochi di fiducia, in cui ti trovi davanti a qualcosa che ti porta oltre la tua zona di comfort e ti spinge a rinnovarti, a donarti a cuore aperto.

Qualsiasi cosa ti verrà detta in un momento di sconforto potrebbe restarti indifferente, solo tu puoi sentire quella spinta all’ottimismo dentro di te. Però ricorda questi consigli, sono piccole indicazioni che possono fare la differenza. Non servono grandi gesti, libri sull’autostima o chissà cos’altro. Basta la semplicità di credere che tutto passo e tu resti, e tu vali, ricordatelo.

 

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali