informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

CV avvocato: ecco come redigerne uno perfetto

Commenti disabilitati su CV avvocato: ecco come redigerne uno perfetto Studiare a Trieste

Avete brillantemente concluso il vostro percorso di studi in giurisprudenza e siete alla ricerca di uno studio dove iniziare il praticantato così da svolgere poi la professione di avvocato? Avete bisogno di un CV per avvocati scritto al meglio e che possa garantirvi se non una sicura assunzione, almeno un certo colloqui conoscitivo presso lo studio che avete scelto.
cv per studi legali
Se siete interessati, continuate a leggere: lo staff dell’Università Niccolò Cusano di Trieste ha intenzione di fornire un dettagliato esempio di curriculum vitae per avvocati, così che possiate redigere il vostro nel migliore dei modi.

Un buon curriculum vitae per l’avvocatura, infatti, è in grado di evidenziare al meglio i contorni del percorso formativo e professionale svolti fino a quel momento.

Per questo, nel corso della stesura del cv per trovare lavoro, è importante focalizzarsi nello scrivere in maniera chiara, concisa ed esaustiva le  le esperienze di lavoro più significative maturate fino a quel momento, ricordando anche le abilita informatiche e linguistiche, i titoli di studio e le eventuali iscrizioni ad ordini professionali e, infine, le cosiddette competenze trasversali.

Come scrivere il curriculum per tirocinante avvocato: ecco tutti i consigli da seguire

Per delineare al meglio un esempio di cv per avvocato, è importante iniziare dal principio, spiegando quali sono le parti del curriculum vitae che devono assolutamente essere inserite e come queste devono essere scritte.

Informazioni personali: mai dimenticare niente

Come prima cosa, vanno inserite nel cv per avvocati le proprie informazioni personali: nome e cognome, età e data di nascita, indirizzo di residenza (e di domicilio, se diverso da quest’ultima), indirizzo email e recapito telefonico. Tutti i recapiti – ovviamente – devono essere funzionanti e sempre controllati.

Scrivere in maniera corretta e precisa queste informazioni darà ai selezionatori degli studi legali il modo di valutare l’età del candidato, avendo sempre sott’occhio il suo nome e i suoi contatti.

Fotografia: largo alla professionalità

Poi, in un buon cv avvocato, non può mancare una fototessera che ritragga il candidato in una veste professionale – magari il giorno della laurea.

Sembra banale ma un errore in cui si incorre spesso è quello di usare una fotografia che ritrae il soggetto in vesti poco consone rispetto alla posizione che si andrà poi a ricoprire. Ecco perché sono vietate fotografie in costume o con occhiali da sole e cappelli. Meglio evitare anche i selfie e le fotografie in compagnia dove vengono malamente tagliati i volti delle persone al fianco.

Formazione: informazioni sintetiche ed accurate

Per quanto riguarda le informazioni riferite alla carriera scolastica ed universitaria devono essere inserite in ordine inverso: dalla più recente alla più datata. Vanno ricordate le date di immatricolazione all’università e di laurea – per capire se lo studente è stato fuori corso o meno, l’argomento della tesi di laurea e la valutazione ricevuta.

Bene anche indicare se si sono frequentati master per avvocati o corsi di specializzazione successivi alla laurea in giurisprudenza conseguita presso la Unicusano di Trieste o altre università.

Esperienze professionali: meglio evitare quelle non inerenti

Successivamente, è bene scrivere in un curriculum vitae per avvocato tutte le precedenti esperienze professionali – se le si hanno.

Visto che il curriculum deve essere presentato esclusivamente per un candidatura presso uno studio legale, è bene evitare di inserire tra le esperienze quelle non inerenti alla professione in oggetto. Dunque, niente passato da barista notturno o babysitter!

Lingue e conoscenze informatiche: mai mentire

Vista l’importanza dello strumento-internet e della conoscenza delle lingue, un praticante avvocato è bene che riporti chiaramente nel curriculum da presentare ad uno studio legale le proprie conoscenze, senza mai mentire!

Per tutte le lingue straniere conosciute occorre inserire il livello di comprensione scritta e parlata e la presenza di eventuali certificati che ne attestino la conoscenza. Per le competenze informatiche è bene inserire nel curriculum vitae programmi ed applicativi conosciuti (senza andare troppo sul “tecnico”, non state candidandovi come programmatore informatico!).

Competenze personali ed organizzative: esponete voi stessi

Infine, nell’ultima sezione del cv per studi legali è possibile inserire qualche competenza “extra” rispetto a quelle strettamente richieste se si lavora presso uno studio di avvocati ma che certamente non devono andare contro ai principi del mestiere.

È comunque importante far conoscere al selezionatore che si occuperà delle candidature la propria personalità e questa è la sezione giusta per esprimere i propri punti di forza e le proprie aspirazioni.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali